Archive for the Categoria 'Internet'

16 Ago 2008

?La collina degli ulivi? apre una redazione virtuale su Facebook

Filed under Internet

Pubblicato su carta sin dal 1993, si tratta di di uno dei più longevi periodici locali dell?area della Piana del Sele e Cilento, ora ?La collina degli ulivi?, il mensile di Altavilla Silentina, apre una sua redazione virtuale sul social network Facebook. Così da ogni angolo del mondo, ed in qualsiasi momento, sarà possibile dialogare con i tre coordinatori dell?iniziativa: Oreste Mottola, il direttore responsabile, Diomira Cennamo e Fabio Sacco, coordinatori dell?edizione elettronica. L?ultimo numero del giornale, pubblicato in allegato al settimanale ?Unico?, è reperibile in quasi tutte le edicole del salernitano, con l?esclusione della zona dell?Agro Nocerino. ?Oltre alle vendite in edicola, pur rilevanti nell?area fra Eboli, Battipaglia e Capaccio, arrivare anche agli oltre 4mila abbonati di Unico è motivo di grande orgoglio. Oggi nessuno più di noi diffonde le attività degli altavillesi fuori dal perimetro del nostro vecchio paese d?origine a così ampio raggio?, riflette ad alta voce Oreste Mottola.

Info:
orestemottola@gmail.com
Cell. 3384624615

GLI ARGOMENTI E GLI AUTORI DEL NUMERO DI AGOSTO 2008:

Altavilla è nuova ed anche multietnica (l?editoriale di Antonietta Broccoli); Pagine della nostra storia:1869, ecco la confessione di Francesca Cerniello, la donna del brigante Gaetano Tranchella (Oreste Mottola); Libertà e moti cilentani, un commento (Giovanna Baione); Storia di un emigrato di successo: Gerardo Marra, ingegnere in Germania (Rosario Messone); I risultati concreti dell?unica associazione altavillese che opera all?estero (Ezio Marra); Riunione delle famiglie Gallo – Mazzeo, in 153 arrivano da tutta Italia (Fulvia Di Chiara); La nota politica: aspirante nuovo sindaco cercansi (Emiddio Mangone); Carmen Cilento d?Hauteville, ecco la nostra nuova principessa (Oreste Mottola); Altavilla è viva in Brasile e? dintorni (Piero Di Matteo); Speciale Borgo Carillia: con articoli su Giacinto Quaglia e Giovanni D?Ambrosio (Franco Benedetto); Più che celebrare un anniversario va organizzato un nuovo cammino (Rino Cappetta).

Commenti disabilitati

07 Lug 2008

Altavilla, un ripetitore nel giardino… a Tempa della Guardia

Filed under Internet

"Nella cittadina di Putnam monta la protesta dei cittadini contro l’installazione di una base missilistica. Tra i più impegnati c’è Grace il cui marito Harry, a sua insaputa, ha avuto l’incarico dall’esercito di curarne i dispositivi più segreti. Negli Stati Uniti non l’hanno apprezzata, ma è una delle più spumeggianti e spregiudicate commedie hollywoodiane degli anni ’50. Tratto da un romanzo di Max Shulman, sceneggiato dal regista con Claude Binyon, è così ricco di umorismo, vitalità, ritmo, invenzioni sul filo di una satira sul "modo americano di vivere" che graffia senza aggredire".

E’ la trama di Missili in giardino (Rally ‘Round the Flag, Boys!), un film di Leo McCarey, con Joan Collins, Paul Newman, Jack Carson, Joanne Woodward (genere commedia, USA 1958) e mi è venuta in mente nei giorni scorsi, quando recandomi nella casa di campagna nel paese di Altavilla Silentina, in provincia di Salerno, ho trovato un palo alto più di venti metri -un ripetitore- a poche decine di metri a ridosso della mia casa: la settimana prima non c’era!

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

03 Apr 2008

UNICO. Il numero 13 da sabato è in edicola

Filed under Internet

Per tutta la primavera, registrandoVi gratuitamente su unicosettimanale.it in omaggio riceverete, Unico digitale nella Vostra casella di posta elettronica.

Newsletter Settimanale Unico anno X n°12 fino al 28 aprile 2008

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

16 Ago 2005

Ricordando mio fratello – da Oreste Mottola

Filed under Internet


Il 21 giugno 1992 in un incidente stradale moriva mio fratello Enzo, vent’anni. Qualche mese dopo scrivevo questa riflessione…

e sensazioni ed i ricordi ancora si affollano nella mia mente e non riesco a dare ad essi una forma ordinata, concreta, tant?è ancora l?emozione e soprattutto lo scoramento per dover essere costretto a scrivere al passato. Di me e di Te. Ho aspettato affinché tu potessi tornare e restare vivo tra noi con il tuo sorriso generoso. Ho immaginato tante volte la scena: la tua macchina che arriva veloce e come al solito si ferma con una brusca frenata, poi il rumore del freno a mano tirato energicamente. Apri la porta di casa, e – come facevi sempre – dimenticando di chiuderla, entri. Siamo un bel pò oltre la mezzanotte, io sono nel salotto davanti alla tivù per vedere gli ultimi tiggì. Tu – vedendo la mia faccia stupita e sorpresa – mi dici: ?Eh, ve l?ho fatta. Non dire niente a nessuno. Voglio vedere le facce di tutti domani mattina?. No, purtroppo le facce di tutti noi portano ancora i segni del dolore, mamma e papà sono invecchiati di colpo. Renaldo e Turindo si sono buttati a capofitto nel lavoro.
Ho voluto prendere un pò di tempo per scrivere di te. Volevo togliere dai miei pensieri e dalle mie emozioni la fisicità di una perdita, il senso di una mancanza materiale, dell?impossibilità di corrispondere. Di litigare. Di amare. Di comunicare. Sto cercando di trovare dei modi per continuare a vivere io insieme a te. Può essere, questo, un qualcosa per inventare più agilmente e facilmente i motivi per andare avanti, continuare a vivere e a soffrire. Ad esistere. Per rendere omaggio ad una breve vita ricca di affetti, di generosità, di spirito di sacrificio, di dolcezza umana e di stile. Di allegria e di un istintivo senso dell?umorismo. Che odiava le usanze. Che amava i bambini, pieno com?eri di voglia di vivere, di combattere senza mai arrendersi, disperarsi, imprecare o maledire la sorte. Con l?ottimismo dei vent?anni. Innamorato dell?idea stessa della sfida.
Era arrivata a sorpresa solo per il calendario quella giornata dell?estate del 1992. Con la temperatura già alta nessuno di noi vi aveva fatto caso. E dalla nostra casa di Sgarroni si sentiva ora un fruscio d?ali, ora un cinguettio d?uccelli o si poteva vedere il silenzioso volo di una bianca farfalla. Davanti, a far da panorama prossimo biancheria stesa ad asciugare, solito vento sbarazzino giocante fra i rami e più forte sul cocuzzolo sul quale poggia la nostra casa, candide nubi in cielo sereno, dalla strada il rombo lontano di un motore… Ed un sabato sera da dedicare ad una pizza, una festa.
Ti avevo visto per un intero pomeriggio lavare il tuo camion, poi nel corridoio al telefono con Paola. Ti lasciai così… Turindo era andato a mangiarsi una pizza con gli amici e si troverà su quella maledetta Statale a Ponte Barizzo e ti vedrà morire. Renaldo stava con Ida a Reggio Emilia. Papà, mamma e Mario dopo la consueta dura giornata di lavoro, avevano guardato un pò la tv e poi erano andati a dormire. Non è facile per me misurarmi con la tua figura. Tra noi c?erano dodici anni di differenza. La mia era l?ultima generazione che ricordava qualcosa del vecchio mondo contadino, che era andata anche tante volte ai Tenimenti a pascolare le capre. Che tiene ben impressa nella mente la Sgarroni attraversata da una precaria stradetta d?estate piena di polvere e d?inverno invasa da veri e propri fiumi d?acqua e di fango. La tua era già la generazione della tivù e della motorizzazione di massa. E tu amavi talmente tanto parlarne di ruspe, escavatori, trattori, automobili. Era il tuo mondo. Il mio, no. La mia testa era (ed è) attraversata fortemente da questo conflitto lacerante tra il mondo agreste e le tecnologie. La zappa ed il computer. Distruggere e conservare. Sperare nel nuovo che potrà portare il Parco Nazionale del Cilento, il turismo, l?agricoltura di qualità. Fantasie… Ma al Nord hanno già i soldi mi dicevi. Questo mio stress ed inquietudine non ti appartenevano. Sai, quella notte e quella terribile prima mattinata del 21 giugno io le ho attraversate volando. Non ricordo. Ho dentro di me solo la corsa verso l?Ospedale di Battipaglia senza sapere cos?era successo. Turindo che mi annuncia – proprio là davanti – che tu te n?eri andato e poi Antonio Guerra che mi tira dentro la sua macchina – prima che io stramazzi a terra – e subito dopo in un bar della Variante tenterà di farmi bere una camomilla. L?entrata in quel bar ebbe qualcosa di surreale. Un fratello ti ha appena detto che hai perso un fratello e l?amico premuroso ti costringe ad entrare e tu – che non hai la forza per argomentare un rifiuto e che tenti di aggrapparti a mille specchi per conservare un minimo di comportamento normale. No, dopo qualche sorso bevuto diventando un automa sono ritornato in me… e una lama affilata è entrata dentro il mio corpo. Forse lì mi sono reso conto per la prima volta di quel ch?era successo. Poi, usciti dal bar e tornati nella macchina il pensiero corse velocemente a papà e mamma, chissà dov?erano. Quella mezz?ora da Battipaglia ad Altavilla è diventata interminabile. I pensieri più strani affollavano la mia mente. Sono questi frangenti che ti fanno davvero fare i conti con la tua vita. Poi l?arrivo a casa, i parenti già quasi tutti lì e quelli che mancavano alle 3 – 4 di notte, zio Turindo li chiamava tutti ed io sentivo e potevo immaginare la sorpresa di chi veniva strappato dal sonno da quella notizia… Ma fino alle 6 sembrò tutto un sogno, poi con il giorno la tragedia cominciò a disegnarsi nelle sue orrende fattezze. Il vuoto – assoluto ed irreversibile – per me è cominciato da quell?ultima volta che ti ho visto, purtroppo inanime, al centro tanatologico dell?Ospedale di Battipaglia. Eufemismo, per dire semplicemente obitorio. L?illuminazione consisteva in scarsi e freddi tubi al neon. Intorno a te c?erano salme che segnalavano vite finite nel modo più disparato e disperato. Non era stato fatto alcuno sforzo per rendere allegro l?ambiente. D?altronde sia chi giaceva sui letti di marmo che chi andava a riprendersi i corpi aveva ampiamente superato il punto in cui l?apparenza poteva ancora servire da consolazione.
Mentre ero lì ebbi la netta percezione della irreparabilità della perdita. E scoppiai in un pianto a dirotto. Credo d?aver perso in quel momento qualsiasi percezione del tempo. Ma per quanto può bastare piangere? E poi lo strazio di andarti a scegliere la bara. Non la dimenticherò nelle poche ore che sostò qui a casa tua. Con i miei sforzi penosi per convincermi – mentre la guardavo – che tu ti eri trasformato in quei bellissimi fiori che la tua Paola aveva voluto metterti sopra. Tu fosti uno degli ultimi a nascere in casa. Poi venne la serie delle cliniche. Era l?1 febbraio del 1972 nell?abitazione più vecchia della contrada Sgarroni, quella che era già stata dei nostri avi, di nonno Rosario e poi nostra.
Dai balconi e dalle finestre di quella casa si vede l?Alburno maestoso, un bel pò della striscia azzurra del Calore, la bella collina della Tempa della Guardia. Venisti su da sempre con un carattere indipendente e vivace. Avevi gli occhi vispi, luminosi, pieni di curiosità e di naturale intelligenza. A questo aggiungevi un?aria sbarazzina e scanzonata, da scugnizzo. Ho dentro di me alcune scene. Quella sera del terremoto del 1980, quando tu con papà foste gli ultimi a capire di che si trattava e solo dopo varie urla usciste tutti e due fuori dalla cucina. E quell?altra volta che tu che appena appena ti muovevi da solo (avevi due/tre anni) quando ti trovarono che già eri a metà del guado del fiume Calore perché ti eri accorto che dall?altra parte c?era Renaldo e volevi andarlo a raggiungere. Ed in questo fatto c?erano i tratti del tuo carattere. Ed era quasi una predestinazione. Non ti piaceva stare fermo ed avevi la risposta pronta per tutto e tutti. Sai, mi ricordo bene l?ultima volta che abbiamo discusso. Doveva essere il 5 o il 6 giugno. La campagna elettorale di Altavilla stava finendo e tu mi annunciasti – in anticipo – che mi sarebbe andata male. Lo vuoi capire sì o no che devi farti i bigliettini con il tuo nome e girare casa per casa. La prossima volta voglio mettermi io e farò così. Voglio vedere… Era difficile farti capire il mio spirito decouberteniano. Dell?importante è partecipare. Tu volevi subito vincere. Ma la sorte e le coincidenze non vollero ed interruppero la tua rincorsa.

La descrizione di un avvenimento che ha fortemente condizionato la mia vita. L’ho scritto pochi mesi dopo l’avvenimento.

oreste@unicosettimanale.it

3 commenti

01 Ago 2005

Ricordando Erminia Messone, una ragazza speciale…

Filed under Internet

L?ultimo saluto di Altavilla e Bracigliano ad Erminia Messone
?Una ragazza piena d’intelligenza, acuta, speciale e molto indipendente?.

Sono gialle e bianche ed hanno la forma a corte le case di Bracigliano, poco più di 5 mila abitanti, a 30 km da Salerno. Subito dopo c?è la provincia di Avellino. Il paese è come chiuso per lutto. Il destino ha voluto fermare qui Erminia Messone. Da otto giorni aveva dato alla luce il piccolo Rosario, mentre l?altro figlio Enrico ha solo tre anni. E? arrivata una crisi cardiaca che l?ha stroncata, a soli 29 anni. Il dramma si è consumato in poco più di dieci minuti. Altavilla Silentina e Bracigliano si sono trovate così unite nella commozione per l?improvvisa e prematura scomparsa della figlia dell?ingegnere Rosario e moglie di Antonio Daniele. Da tempo Erminia viveva a Bologna ma nel paese d?origine dei suoi genitori tornava spesso. Rosario doveva nascere qui: un omaggio a quelle radici che tante volte erano estate onorate dagli scritti del nonno, Rosario, ingegnere e docente di professione ma storico per diletto e per amore di Altavilla. Le prime avvisaglie delle doglie, durante il viaggio, avevano consigliato di fermarsi qui, per prudenza, a Bracigliano. Il piccolo Rosario è nato senza problemi. Una settimana dopo il dramma. ?Erminia l?ho conosciuta ? racconta Oreste Mottola, già presidente dell?associazione Altavilla Viva – quando poco più che adolescente, entusiasta ed attivissima, animava le azioni del periodo iniziale del nostro gruppo. Con Caterina, Ortigia, Silvia, Katiuscia e tante altre. Una ragazza piena d’intelligenza, acuta e speciale. Si faceva notare per il contributo di idee che a noi, molti più grandi di lei, era capace di dare. Era molto indipendente. Non dava mai niente per scontato e non si accodava alle mode correnti?. Il funerale di Erminia è stato un pianto generale, sommesso, tenuto dentro ad ognuno, e quella domanda: perchè a lei? C?era tanta gente di Altavilla, in corteo ed in chiesa, così come c?erano i braciglianesi, accorsi ad ogni angolo di strada, a salutare in lacrime l?ultimo viaggio della giovane madre.

Commenti disabilitati