08 Nov 2015

Cosa fare in caso di furto di identità di GERARDO BONFRISCO

Pubblicato alle 14:41 under Argomenti vari

Il furto d’identità di Gerardo Bonfrisco.

Quali sono i furti di identità e le frodi di identità?

“Ma lui che trafuga da me il mio buon nome / mi ruba ciò che non lo arricchisce / E mi fa scarsa.”
– Shakespeare, Otello, atto III. Sc. 3.

La risposta breve è che il furto di identità è un crimine. Il furto di identità e le frodi di identità sono termini usati per riferirsi a tutti i tipi di reati in cui qualcuno ottiene abusivamente ed utilizza i dati personali di un’altra persona in un modo da coinvolgerlo in una frode od inganno, di solito per un guadagno economico. Lo scopo di questo articolo è di spiegare perché è necessario prendere precauzioni per proteggersi dal furto di identità. Diversamente dalle impronte digitali, che sono riservate e non possono essere date a qualcun altro per il loro uso, i dati personali in particolare il conto bancario o la carta di credito, la sim del telefono ed altri dati identificativi di valore, possono essere usati, se cadono nelle mani sbagliate, personalmente per trarre un profitto a nostre spese. Molte persone hanno riferito che persone non autorizzate hanno preso fondi dalla loro banca o di conti finanziari, o, nei casi peggiori, ripreso le loro identità del tutto. In molti casi, le perdite per una vittima, possono includere non solo delle perdite finanziarie, ma ulteriori costi finanziari aggiuntivi rilevanti legati al tentativo di ristabilire la propria reputazione nella comunità e correggere le informazioni errate per cui il criminale è responsabile.
Quali sono i modi più comuni per commettere i furti di identità o le frodi?
Molte persone non capiscono quanto facilmente i criminali possono ottenere i nostri dati personali, senza dover entrare nelle nostre case. Alcune società di carte di credito, per l’invio delle stesse, hanno adottato misure di sicurezza che consentono al destinatario della carta di attivare la stessa solo dal suo telefono di casa, ma questa non è ancora una pratica universale. Inoltre, se la posta viene recapitata in un luogo dove altri hanno facile accesso ad essa, i criminali possono semplicemente intercettare e reindirizzare la posta in un’altra posizione a loro comoda.
Negli ultimi anni Internet è diventato un luogo attraente per i criminali per ottenere dati identificativi, come le password o le informazioni di tipo bancarie. Nella fretta di esplorare le caratteristiche emozionanti di Internet, molte persone rispondono a loro insaputa ai cosiddetti “spam” ( posta spazzatura ) senza rendersi conto.
In alcuni casi, i criminali utilizzano tecnologie informatiche per ottenere grandi quantità di dati personali.
Con abbastanza informazioni di identificazione su un individuo, un criminale può assumere l’identità di quella persona è condurre una vasta gamma di reati: per esempio:
1. false domande di prestiti e di carte di credito;
2. prelievi fraudolenti da conti bancari;
3. uso fraudolento delle schede telefoniche
4. ottenere altri beni o privilegi che al criminale potrebbero essere negati se dovesse usare il suo vero nome, perché già reticente.
Il criminale si adopera per garantire che le fatture delle carte di credito falsamente ottenute, o gli estratti conto bancari che mostrano i prelievi non autorizzati, vengono indirizzati ad un diverso indirizzo da quello della vittima; la vittima in questo caso non può venire a conoscenza di ciò che sta accadendo fino a quando il criminale ha già inflitto danni rilevanti sul patrimonio della vittima.

Cosa bisogna fare per evitare di diventare vittima di furto di identità e prevenire le frodi?

Per ridurre o minimizzare il rischio di diventare una vittima del furto di identità o la frode, ci sono alcuni passaggi di base da adottare in modo precauzionale. Per cominciare, basta ricordare la parola “truffa”:

a) non fornire le vostre informazioni personali a terzi se non avete un motivo di fiducia in loro, indipendentemente da dove sono;

b) Una persona che ti chiama e dice di essere della tua banca, non ha bisogno di sapere le informazioni della propria carta di credito se è le stesse risultano già nell’ archivio della vostra banca; l’unico scopo di una tale chiamata è quello di acquisire informazioni sensibili utilizzabili in modo fraudolento verso di Voi.

c) Se qualcuno che non conosci ti chiama al telefono e ti offre la possibilità di ricevere una carta di credito, un premio, o un altro elemento di valore, ma ti chiede per prima cosa i dati personali, il numero di carta di credito o la data di scadenza, o il nome da nubile della madre, tenta solo di scoprire dei dati utili per attivare una truffa. È bene informarsi prima di effettuare una tale operazione.

d) Se si è in viaggio, richiedere all’ufficio postale della vostra città il cosiddetto fermo posta. In questo modo, la vostra posta sarà mantenuta dall’ufficio postale fino al vostro rientro, dietro un piccolo rimborso spese.

e) Mai fornire informazioni personali a persone sconosciute.

Per tutelarsi esistono delle agenzie riconosciute dal Crif ( centrale rischi informazioni finanziarie ) che vi tutelano sia durante la navigazione internet che su qualsiasi movimento finanziario a voi intestato.
In caso di furto d’identità o per qualsiasi altra informazione in merito è bene rivolgersi:
a) polizia delle comunicazioni: www.commissariatodips.it
b) carabinieri: https://extranet.carabinieri.it/DenunciaViaWeb/
c) guardia di finanza: www.gdf.gov.it/GdF

Gerardo Bonfrisco
gerbonfrisco@gmail.com

No responses yet




I commenti sono chiusi.