Archive for Marzo 2010

29 Mar 2010

Regionali 2010 – I dati di Altavilla Silentina

Filed under Argomenti vari

Elenco candidati lista circoscrizionale
CAMPANIA

*

U.D.EUR POPOLARI
U.D.EUR POPOLARI
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
GIULIANI NICOLETTA     SALERNO, 11 Febbraio 1969     47
DEL MESE PAOLO     PONTECAGNANO (SA), 23 Settembre 1946     25
D’ACUNZI PASQUALE     NOCERA SUPERIORE (SA), 28 Maggio 1959     24
PEPE RENATA     GRAZ (AUSTRIA), 12 Settembre 1970     10
RUSSO EZIO     SICIGNANO DEGLI ALBURNI (SA), 30 Aprile 1962     4
PALADINO ANGELO     SALA CONSILINA (SA), 07 Agosto 1950     2
BUONAIUTO FILOMENA     SAN VALENTINO TORIO (SA), 24 Ottobre 1954     1
DELLA ROCCA CARMELA     SALERNO, 14 Dicembre 1963     -
MUOIO VANDA     CAVA DEI TIRRENI (SA), 18 Giugno 1981     -
MEROLA ANTONIO     SALERNO, 16 Settembre 1956     -
VILLANI CIRO     NOCERA SUPERIORE (SA), 20 Marzo 1955     -

DI PIETRO ITALIA DEI VALORI
DI PIETRO ITALIA DEI VALORI
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
BARBIROTTI DARIO     SALERNO, 18 Ottobre 1952     185
MORENA LUIGI     PIAGGINE (SA), 21 Febbraio 1955     64
MANZI FRANCESCO     BATTIPAGLIA (SA), 22 Settembre 1954     14
FALLO FILOMENA     SAN MARZANO SUL SARNO (SA), 04 Dicembre 1955     7
BOTTA VALENTINA DETTA VALE     SALERNO, 01 Dicembre 1967     5
MARSICANO MARIA     PISCIOTTA (SA), 10 Aprile 1951     5
RAVIOTTA MICHELE     PALERMO, 17 Ottobre 1960     3
GUADAGNO CARLO     NOCERA INFERIORE (SA), 12 Agosto 1979     2
MORRONE FAUSTO     CASTEL SAN GIORGIO (SA), 14 Maggio 1956     1
MARTUSCELLI DONATELLA     SALERNO, 12 Novembre 1964     -
PANDOLFI ANTONIO     SALENTO (SA), 20 Novembre 1967     -

IL POPOLO DELLA LIBERTA’
IL POPOLO DELLA LIBERTA’
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
LONGO EVA     SALERNO, 08 Gennaio 1949     251
GAMBINO ALBERICO     PAGANI (SA), 07 Dicembre 1967     227
BALDI GIOVANNI     CAVA DE’ TIRRENI (SA), 05 Novembre 1956     173
LUBRITTO ANTONIO     CASTEL SAN GIORGIO (SA), 22 Novembre 1949     133
ZARA FERNANDO     EBOLI (SA), 08 Gennaio 1953     105
PAOLINO MONICA     POMPEI (NA), 05 Gennaio 1972     91
GAGLIANO SALVATORE     AMALFI (SA), 27 Ottobre 1951     83
MORENA ELVIRA     FELITTO (SA), 14 Marzo 1962     32
EPISCOPO ANTONIO     POLLA (SA), 14 Luglio 1950     5
SARNO MICHELE     SALERNO, 13 Aprile 1965     3
ESPOSITO GIUSEPPINA DETTA PINA     CASTEL SAN GIORGIO (SA), 05 Dicembre 1965     1

UNIONE DI CENTRO
UNIONE DI CENTRO
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
COBELLIS LUIGI     VALLO DELLA LUCANIA (SA), 18 Aprile 1963     59
SALZANO ANIELLO     ROCCAPIEMONTE (SA), 19 Settembre 1947     16
ARENA SALVATORE     PAGANI (SA), 01 Gennaio 1959     13
PACE ANGELA     VICENZA, 23 Agosto 1957     11
FEZZA VILMA     SALERNO, 26 Gennaio 1960     8
SCONZA NICOLA     SALERNO, 08 Gennaio 1971     3
CORVINO LINDA     BRACIGLIANO (SA), 23 Gennaio 1969     1
ASSENI ANNUNZIATA DETTA NANCY     SANT’ANTIMO (NA), 14 Febbraio 1978     -
BALBI MARIA     ROCCAGLORIOSA (SA), 13 Aprile 1954     -
COLUCCI GIUSEPPE     SALA CONSILINA (SA), 19 Maggio 1957     -
COSIMATO FRANCESCO     BARONISSI (SA), 02 Agosto 1950     -

PARTITO DEMOCRATICO
PARTITO DEMOCRATICO
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
MANZIONE MARIA SUEVA     EBOLI (SA), 22 Agosto 1965     113
VALIANTE ANTONIO     CUCCARO VETERE (SA), 22 Marzo 1939     105
PICA DONATO     SANT’ARSENIO (SA), 06 Settembre 1952     101
BENNET VINCENZO     SALERNO, 04 Marzo 1973     68
CARPINELLI UGO     GIFFONI VALLE PIANA (SA), 03 Agosto 1952     65
PICARONE FRANCESCO DETTO FRANCO     SALERNO, 18 Giugno 1959     43
SESSA DOMENICO DETTO MIMMO     FISCIANO (SA), 04 Agosto 1959     26
PETRONE ANNA     SALERNO, 12 Settembre 1975     11
MANSI MICHELA     SALERNO, 28 Aprile 1980     7
LAMBERTI ROSSANA     SALERNO, 24 Novembre 1961     5
ROMANO ANTONIO     NOCERA SUPERIORE (SA), 22 Febbraio 1955     -

LA DESTRA
LA DESTRA
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
D’AMBROSIO VINCENZO DETTO ENZO     SALERNO, 14 Agosto 1973     5
LUCARELLI FAUSTO PIO     COLLE D’ANCHISE (CB), 30 Luglio 1953     2
CARRETTA GENNY TERESA     BOLOGNA, 10 Luglio 1977     -
AMODIO GIANCARLO     SALA CONSILINA (SA), 13 Settembre 1959     -
CHIAVIELLO CLAUDIO     EBOLI (SA), 12 Agosto 1972     -
GNOCCHI RODOLFO     LODI, 16 Ottobre 1975     -
LAVINI UMBERTO     SAPRI (SA), 19 Giugno 1952     -
MEMOLI LUISA     SALERNO, 20 Ottobre 1952     -
RONCA DANIELA     TORINO, 21 Maggio 1972     -
VACCARO LUCIANO     AGROPOLI (SA), 28 Ottobre 1985     -
RONDINELLI SANDRA     BATTIPAGLIA (SA), 01 Ottobre 1968     -

RIFOND.COM. – SIN.EUROPEA – COM.ITALIANI
RIFOND.COM. – SIN.EUROPEA – COM.ITALIANI
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
IMPARATO MARIATERESA     EBOLI (SA), 28 Febbraio 1986     22
FALIVENA ROCCO     LAVIANO (SA), 01 Maggio 1952     19
AMATO ALFONSO     SICIGNANO DEGLI ALBURNI (SA), 04 Maggio 1961     8
MANGONE EMILIANA     CAVA DE’ TIRRENI (SA), 15 Dicembre 1970     7
MARINO LOREDANA IRENE     ALTDORF (SVIZZERA), 27 Ottobre 1977     -
MARZIALE CARMELA ANGELA     FRANCAVILLA IN SINNI (PZ), 02 Ottobre 1961     -
FRANCIONE GIOVANNI     SALERNO, 19 Gennaio 1970     -
LOGUERCIO ANTONIO     MARATEA (PZ), 23 Giugno 1976     -
PELLEGRINO ANTONIO     PIEDIMONTE MATESE (CE), 07 Novembre 1959     -
SENATORE DANIELE     SALERNO, 20 Settembre 1984     -
TRAPANI GIUSEPPE DETTO PEPPE     SALERNO, 08 Marzo 1976     -

LISTA MARCO PANNELLA – EMMA BONINO
LISTA MARCO PANNELLA – EMMA BONINO
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
STARACE FABRIZIO     NAPOLI, 24 Luglio 1958     -
CAPANO MICHELE     SALERNO, 07 Agosto 1974     -
DE FALCO JOSE’     VIETRI SUL MARE (SA), 16 Dicembre 1980     -
DI CAPRIO VIOLA IMMACOLATA     AVELLINO, 11 Ottobre 1978     -
FERRIGNO CARMELA DETTA LINDA     NAPOLI, 20 Settembre 1955     -
PASSANNANTI IMMACOLATA     NAPOLI, 01 Settembre 1969     -
PAUCIULO ALFREDO     NOCERA INFERIORE (SA), 02 Maggio 1969     -
PERELLI MARIA ANGELA     SALERNO, 20 Luglio 1955     -
ROMANO GENNARO     NAPOLI, 27 Agosto 1977     -
RUSSOMANDO ANGELICA     SALERNO, 05 Gennaio 1971     -
SALZANO DONATO     SALERNO, 09 Novembre 1968     -

ALLEANZA PER L’ITALIA
ALLEANZA PER L’ITALIA
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
CAMMARANO VERONICA     SALERNO, 21 Giugno 1976     57
VENTURA DOMENICO DETTO MIMMO     SALERNO, 22 Marzo 1964     9
FIORE ANIELLO DETTO NELLO     SORA (FR), 04 Marzo 1958     5
BOTTA VINCENZO     SALERNO, 24 Luglio 1962     4
IACCARINO SALVATORE DETTO FERRUCCIO     ANGRI (SA), 19 Maggio 1954     1
AMATO NICOLA     RAVELLO (SA), 08 Marzo 1955     -
DELLA CORTE ALFONSO     CAVA DEI TIRRENI (SA), 27 Maggio 1957     -
GUERRA CARMINE     LUSTRA (SA), 02 Aprile 1955     -
DELLA MONICA ANGELINA     CAVA DEI TIRRENI (SA), 13 Marzo 1967     -
SCANNAPIECO ROSA     CAVA DEI TIRRENI (SA), 25 Luglio 1957     -
VITOLO SANTA     NOCERA INFERIORE (SA), 08 Giugno 1970     -

MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT
MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
FICO ROBERTO     NAPOLI, 10 Ottobre 1974     5
PISANO GIROLAMO     SALERNO, 11 Aprile 1974     -
GALATRO NICOLA ALDO     POLLA (SA), 20 Luglio 1970     -
GALLO LUIGI     PRATO, 21 Settembre 1977     -
SARLI DORIANA     NAPOLI, 03 Aprile 1961     -
GUACCIO MARIANNA     NAPOLI, 02 Ottobre 1977     -
SAVARESE MARCO     NAPOLI, 24 Maggio 1967     -
COLONNESE VEGA     SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE), 08 Aprile 1979     -

MPA-NUOVO PSI-PRI ED ALTRI
MPA-NUOVO PSI-PRI ED ALTRI
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
IOSCA RENATO     SALERNO, 01 Ottobre 1958     112
FORTUNATO GIOVANNI     SANTA MARINA (SA), 03 Maggio 1967     43
CARDIELLO FRANCO     EBOLI (SA), 01 Gennaio 1957     39
ANNUNZIATA MARIA DETTA MARISA     SAN MARZANO SUL SARNO (SA), 07 Marzo 1962     20
RIZZO MARIO     ASCEA (SA), 29 Giugno 1952     20
PIGNATA CARMINE DETTO MINO     OLIVETO CITRA (SA), 22 Febbraio 1955     13
COLA STEFANIA     AGROPOLI (SA), 04 Maggio 1976     12
LANGONE MARIA ANTONIA     SALA CONSILINA (SA), 19 Dicembre 1960     8
MEOLA FLAVIO     MONTECORICE (SA), 10 Ottobre 1954     6
NOLA FERNANDA     ERCOLANO (NA), 28 Aprile 1955     -
SCARLATO MAURO     NAPOLI, 27 Agosto 1949     -

LIBERTA’ E AUTONOMIA NOI SUD
LIBERTA’ E AUTONOMIA NOI SUD
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
CORVINO ROSARIA     SALERNO, 17 Settembre 1966     41
BRUSCO FRANCESCO DETTO FRANCO     VIBONATI (SA), 28 Febbraio 1941     38
PALUMBO FRANCESCO     GIUNGANO (SA), 16 Agosto 1964     12
MOTTA VINCENZO     BATTIPAGLIA (SA), 26 Aprile 1959     6
CARPINELLI ROSARIO     SALERNO, 12 Luglio 1951     4
GONNELLA EMILIANO ROBERTO     EBOLI (SA), 15 Giugno 1973     4
MANZO GIUSEPPE     NOCERA INFERIORE (SA), 06 Aprile 1949     3
FERRAIOLI ROSANNA     SALERNO, 06 Maggio 1973     2
MOFFA GERARDO     SALERNO, 03 Marzo 1956     -
PAOLILLO PAOLA     CAVA DE’ TIRRENI (SA), 26 Agosto 1963     -
ROTONDO CLAUDIA     BARONISSI (SA), 18 Aprile 1965     -

FED.VERDI-L’ALTRO SUD
FED.VERDI-L’ALTRO SUD
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
TARALLO PASQUALE     COMO, 07 Ottobre 1976     14
D’AMICO MARIANTONIA     AGROPOLI (SA), 12 Maggio 1956     4
BOVE CARMINE     PELLEZZANO (SA), 11 Marzo 1967     -
CAPUTO PIETRO     SALERNO, 13 Gennaio 1974     -
CIFELLI FERNANDO     SALERNO, 16 Aprile 1965     -
CORVINO GERARDO     NOCERA INFERIORE (SA), 10 Febbraio 1974     -
ESPOSITO FABIOLA     CAVA DE’ TIRRENI (SA), 22 Agosto 1979     -
MARTUCCIELLO LUIGI     SALERNO, 04 Novembre 1978     -
SENATORE DANIELE     SALERNO, 08 Giugno 1967     -
TREZZA ANTONIA     SALERNO, 07 Luglio 1980     -
VITALE CONCETTA     BERGAMO, 26 Gennaio 1974     -

CAMPANIA LIBERA
CAMPANIA LIBERA
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
BOVE LUIGI     SALERNO, 28 Maggio 1942     23
VALIANTE GIANFRANCO     SALERNO, 14 Gennaio 1955     11
PATELLA VINCENZO     CASERTA, 02 Luglio 1966     10
D’ANIELLO FILOMENA     SALERNO, 30 Luglio 1951     4
SANTUCCI MARIA GIOVANNA     SALERNO, 27 Novembre 1961     2
VENTURA DOMENICO     NAPOLI, 20 Novembre 1942     1
TORRE ANNAMARIA     PAGANI (SA), 05 Febbraio 1962     1
COSCIONI ENRICO     PAGANI (SA), 11 Agosto 1961     1
MARCHETTI MATTEO     SALERNO, 14 Aprile 1972     -
MUSU GIULIO     LA SPEZIA, 10 Gennaio 1983     -
PADOVANO MARIA ROSARIA     CASTELLAMMARE DI STABIA (NA), 13 Giugno 1975     -

ALLEANZA DI CENTRO-DEMOCRAZIA CRISTIANA
ALLEANZA DI CENTRO-DEMOCRAZIA CRISTIANA
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
FUNICELLI GIUSEPPE     MONTECORICE (SA), 13 Giugno 1950     22
CORRADO IVAN     SALERNO, 10 Maggio 1975     14
CRESCENZO DOMENICO     SARNO (SA), 26 Aprile 1982     2
BUONO ANTONELLA     BARQUISIMETO (VENEZUELA), 18 Gennaio 1977     1
DE FEO ORTENSIO     SALERNO, 06 Dicembre 1948     1
ALFANO GIUSEPPE     CASTEL SAN GIORGIO (SA), 11 Marzo 1960     -
D’ONOFRIO CAIO     MIONTECORVINO ROVELLA (SA), 21 Luglio 1941     -
DE PRISCO MARIA     PAGANI (SA), 10 Ottobre 1973     -
FAUSTO GERARDINA     BATTIPAGLIA (SA), 07 Novembre 1982     -
LA ROCCA MATTEA DETTA MARINA     SALERNO, 17 Giugno 1966     -
STRIANESE ORESTE     SAN VALENTINO TORIO (SA), 01 Gennaio 1944     -

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ – PSE
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ – PSE
Candidato     Luogo e data di nascita     Preferenze
MUCCIOLO GENNARO     CASTEL SAN LORENZO (SA), 16 Giugno 1943     178
MARAIO VINCENZO DETTO ENZO     POLLA (SA), 28 Ottobre 1978     27
GIORDANO MARIA DOMENICA DETTA MARIELLA     AIROLA (BN), 31 Gennaio 1971     24
RAGOSTA MICHELE     SALERNO, 04 Marzo 1955     3
TARANTINO GIOVANNI     EBOLI (SA), 13 Novembre 1954     3
PINTO ERMINIA     SALERNO, 29 Settembre 1969     2
VIGLIAR MARIA LAURA     CROTONE, 06 Luglio 1955     1
DE CRISTOFARO LUCIA     CASTELLAMMARE DI STABIA (NA), 13 Maggio 1960     -
GRILLO ANGELO     SALERNO, 02 Dicembre 1947     -
PAGANO CLAUDIO     SARNO (SA), 02 Giugno 1973     -
TROIANO GIOVANNI DETTO GIANNI     ANGRI (SA), 08 Novembre 1965     -

(*) I dati si riferiscono alle comunicazioni pervenute dai comuni, tramite le prefetture, e non rivestono, pertanto, carattere di ufficialita’. La proclamazione ufficiale degli eletti e’ prerogativa di: uffici elettorali regionali presso le corti d’appello e uffici elettorali circoscrizionali presso i tribunali dei capoluoghi di circoscrizione per le elezioni regionali; uffici elettorali centrali e circoscrizionali per le elezioni amministrative. La ripartizione dei seggi e l’individuazione degli eletti non tengono conto di eventuali “opzioni”, incompatibilita’ e surroghe.

1 commento

27 Mar 2010

Sassano, nuova sorgente sulfurea

Filed under Argomenti vari

 
Un regalo di primavera: una sorgente di acqua sulfurea a Sassano. E’ arrivata la primavera per farci capire quanto la natura possa essere generosa in questa vallata: essa ha voluto regalare una sorgente di acqua sulfurea a Sassano. Proprio in un territorio dove un gran numero di persone crede che chi specula sui terreni o inquina il suolo con i rifiuti tossici sia una persona per bene, la natura è stata benigna. Proprio dove chi cementifica ad alta quota, in pieno Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, è creduto un benefattore e chi difende i beni ambientali è considerato un nemico da abbattere, la natura prorompe in un getto considerevole d’acqua sulfurea, le cui caratteristiche adesso sono da analizzare e da considerare, eventualmente, per un possibile sfruttamento in campo sanitario.

La portata non è trascurabile; forse decine di litri al secondo. Questa falda acquifera è affiorata, probabilmente, a causa delle abbondanti piogge di questo inverno. La zona è da sempre ricca di acqua e già aveva generato, nel passato, sorgenti primaverili. Eppure, per quanto possa ricordare, nessuna di queste ha mai presentato una così spiccata natura sulfurea. Ma dove è scaturita la sorgente? A via Molinella, proprio all’altezza del sito di trasferenza del Comune di Sassano. Un sito sfortunato, da un lato, fortunato oggi. Inizialmente adibito a macello comunale, sembra anche attrezzato per tale scopo, oggi abbandonato e destinato, come era avvenuto anche a Sala Consilina, a immondezzaio. Una leggenda metropolitana (quanto vera?) vuole che dei ladri, nottetempo, abbiano trafugato le attrezzature rimaste incustodite per anni in quelle strutture, servite solo, evidentemente, perché venissero erogati finanziamenti. La sorgente è scaturita proprio nelle pertinenze di questo “macello”. Una strana storia italiana, questa del “macello”, che andrebbe raccontata con più dovizia di particolari, in questa terra distratta solo dal cemento che si versa sulle terre e che si crede sia segno di sviluppo e non sia, invece, la traccia del male che si può arrecare ad un comprensorio con vocazione agricola e turistica.

In questi giorni ci saranno le elezioni amministrative a Sassano. Ma la natura ha annunciato la nuova primavera con questo inaspettato regalo. Che sia un segno premonitore di cambiamenti positivi? Forse che si abbandonerà, una volta per tutte, la strada del cemento a favore della valorizzazione dei beni ambientali del luogo?

Roberto De Luca

Commenti disabilitati

20 Mar 2010

Altavilla. Alessandro Di Verniere, il maestro della banda

Filed under Argomenti vari

Ci ha lasciati anche Alessandro Di Verniere. Era “la musica” o “il maestro” per antonomasia . Inventore, organizzatore, maestro concertatore, e chissà quante altre cose, delle diverse bande musicali di Altavilla Silentina. Questione seria, questa della musica, nel nostro paese. La prima banda è datata 1876, ma fu con il maestro Raffaele Suozzo che l’attività bandistica coinvolse l’intero paese. “Verdi” e “Rossini” furono gli emblemi delle due fazioni paesane.In un’Italia che si divideva tra Coppi e Bartali, democristiani e comunisti, le innocenti scaramucce altavillesi facevano sorridere. Proprio alla scuola di Suozzo, Alessandro Di Verniere  si forma e ne è il capobanda. Che le bande musicali di Altavilla Silentina siano state spesso due o nessuna è un fatto che si è verificato più di una volta. Tanto, che quando Piero Chiara ha voluto regalarci l’ambientazione di un suo romanzo, “la guerra della banda gialla e della banda nera” è uno dei perni de “Il Balordo” rivisitazione romanzata d’alcuni aspetti della storia altavillese. Suozzo sviluppa un’azione di alfabetizzazione musicale che solo nei decenni successivi darà i suoi frutti: “mette lo strumento in mano”, come si dice, a tantissimi ragazzi e loro impartisce i primi rudimenti musicali. E s’impegna nella promozione dell’attività musicale. Come Suozzo e più di lui si svolge l’attività “magistrale” di Alessandro Di Verniere. Se tanti giovani si sono diplomati al conservatorio, insegnano e vivono di musica, lo devono a lui, commerciante di professione, musicista autodidatta. Negli ultimi anni appariva provato anche dalle morti repentine e crudeli di due suoi più cari “ragazzi”: Eraldo De Rosa e Fernando Lettieri. Ora che la scena era passata ai più giovani, Angelo Bavoso e Carmine Peduto,  per la scuola civica musicale, o Alfonso Caramante e Roberto Serratore per i cori, non mancava di far sentire il suo pacato e spassionato contributo.

Oreste Mottola

Commenti disabilitati

20 Mar 2010

Cerone, di Agropoli. E’ lo scrittore che ha i record dei “rifiuti” editoriali

Filed under Argomenti vari

CERONE: LA STORIA Il mio libro ha il record dei <no>
E’riuscito ad accumulare, in pochi anni, centotredici rifiuti editoiali, per cinque libri, di poesia e narrativa. Si chiama Giuseppe Cerone, quarantunenne, lucano, professore di inglese in una scuola media del CILENTO. E’ lo scrittore italiano piu’ inedito, in una societa’ letteraria dove i grandi autori sono quasi tutti scomparsi, ma dove la macchina dell’editoria arriva a sfornare trentamila libri nuovi ogni anno. Giuseppe Cerone non e’, propriamente, un poeta della domenica. Non appartiene a quella temibile tribu’ dei manoscrittari con Gattopardo nel cassetto che tendono l’imboscata a Umberto Eco dopo la tavola rotonda e poi gli mandano telegrammi di insulti perche’ non ha convinto il grande editore a pubblicarli. Accanto ai centotredici no degli editori, Cerone puo’ esibire quasi altrettanti si’ di critici, scrittori, docenti universitari, che gli hanno inviato lettere piene di stima, incoraggiamento, alcuni di esplicito consenso. Nel suo archivio domestico, ad Agropoli, dove vive da quindici anni, le lettere degli editori sono quasi tutte uguali: <Abbiamo letto con interesse il suo dattiloscritto, ma i nostri attuali programmi non ci consentono…>. Ce ne sono cinque della Rizzoli, quattro della Mondadori, e poi via via di Garzanti, Rusconi, Frassinelli, fino ai piu’ piccoli. Solo pochi, come Raffaele Crovi di Camunia, gli dicono che il libro proprio non gli e’ piaciuto. Altri, come Adelphi, esprimono il loro disinteresse con il silenzio. Le lettere degli scrittori sono di tipo diverso e comprendono il Gotha della nostra letteratura, da Ceronetti a Malerba, da Siciliano a La Capria. Alcuni si limitano a manifestare la loro simpatia per il personaggio. Altri apprezzano il suo sforzo, lasciandogli capire che sono dalla sua parte, senza poter promettere nulla. Ma piu’ d’uno si sbilancia, con un giudizio. <La scrittura e’ pregevole, semplice e al tempo stesso densa>, gli scrive Geno Pampaloni. <Mi sembra interessante lo stile e una certa sanguigna disperazione che circola tra le pagine>, precisa Saverio Vertone. <Continui a scrivere – incoraggia Claudio Magris -. Il racconto che mi ha mandato rivela, nella sua brevita’ ed essenzialita’, una notevole forza>. Telegrafico, ma piu’ gratificante di tutti, il sommo Carlo Bo: <Ho letto con ammirazione>. Roberto Pazzi, grande collezionista di rifiuti editoriali prima di arrivare al successo, sembra capire il suo piu’ sfortunato imitatore del Sud: <Mi piace la capacita’ del suo linguaggio di andare dritto al cuore delle cose>. E i suoi libri continuano a rimanere dattiloscritti. Giuseppe Cerone e’ il tipico giovane meridionale, con amore per la cultura, che vive da sempre nell’isolamento. E’ nato a Muro Lucano, di famiglia contadina, ancora oggi i fratelli di suo padre coltivano la terra. Il suo era un centro di undicimila abitanti, poi si era spopolato; si e’ venuto riprendendo solo dopo il terremoto del 1980, che ha fatto duecento morti ma ha portato tanti miliardi. <Per avere uno sviluppo, il mio paese ha dovuto aspettare il terremoto>, dice il professore, con la triste ironia che affiora anche dalle sue pagine. In quel paese, quando lui era ragazzo, qualche libro era cominciato ad arrivare, dopo il lancio degli Oscar. Il figlio dei contadini, dodicenne, si e’ trovato HEMINGWAY, Fitzgerald, poi Kerouac, poi Bukovski, che lo hanno subito stregato. Per avvicinarsi ai suoi miti, in mancanza di un’America troppo lontana, ha cercato di conoscere il mondo inglese, andando a passare tutte le sue estati a Londra. Per mantenersi faceva il cameriere nei ristoranti. Finche’ e’ arrivato agli studi di inglese veri, all’Universita’ di Salerno. E alla laurea con una tesi su Christopher Frye, che poteva essere un buon biglietto da visita. C’erano dei maestri di grido, allora, a Salerno: da Sanguineti a De Mauro, che e’ stato fra i primi a leggere le sue pagine e il primo a scrivergli: <Lei ha il merito di saper raccontare>. Neanche il passaporto di De Mauro doveva bastargli. Dopo la laurea e’ ripresa rapidamente per Cerone la vita di provincia, la scuola media, ad Agropoli, dove ha messo su casa con la moglie, anglista come lui; la nuova solitudine. Agropoli d’inverno ha 20 mila abitanti, d’estate 80 mila, per l’invasione dei turisti; ma all’appassionato di letteratura non offre nessuna possibilita’ di contatti. Qui c’e’ una via dedicata a Franco Antonicelli, che ad Agropoli era stato inviato al confino dal fascismo. Ma il nume della citta’ e’ un altro, il farmacista Bonifacio, inventore di quel leggendario siero anticancro, poi proibito, che aveva fatto accorrere gente da tutta Italia. Da solo, in casa, Cerone ha continuato a scrivere, memorie di Lucania, esperienze di vita, fantasie. Ha scritto anche un romanzo, <Amnesia di un professore>, storia di un uomo che vede la vita a sprazzi, tormentato dalla perdita della memoria; un libro di racconti per gli alunni delle medie, <A scuola, ragazzi>. E ha attivato, instancabilmente, la posta. Per spedire dattiloscritti ha speso milioni. <Un libro di cento pagine, in fotocopie, mi costa diecimila lire – dice -. Piu’ altre 6-7 mila lire in francobolli>. E ne ha mandati a centinaia. <Ma e’ il mio solo hobby – si giustifica -. Non spendo in altro. Anche mia moglie e’ diventata piu’ tollerante>. Aveva sperato molto quando si era interessato a lui Luigi Compagnone, che gli aveva anche dedicato un bell’articolo sul <Mattino> di Napoli. Neppure quell’appoggio e’ stato sufficiente. Per avere la soddisfazione di vedere un proprio libro stampato, ha scelto anche lui la pericolosa via delle edizioni a pagamento, con trenta piccoli racconti, <Il muro lucano> (<Calvino ci insegna a essere brevi>, spiega). Poi, quest’anno, un piccolo editore torinese, Genesi, gli ha pubblicato un volume di versi, <Poesia circolare>, con una prefazione molto convinta di Giorgio Barberi Squarotti. Il poeta, sicuramente, c’e’. La circolazione no. E allora il professor Cerone ha deciso di giocare l’ultima carta. In fondo nessuno aveva ricevuto tante bocciature, in Italia. <Ho chiesto, per autoflagellarmi, di essere annoverato nel Guinness dei primati>. Almeno li’, avrebbero dovuto stampare il suo nome. Dopo dieci giorni gli e’ arrivata una lettera, molto gentile, da Londra. <Dear Professor Cerone…> La Correspondence Editor della casa inglese lo informava che il posto era gia’ occupato. Il record apparteneva da otto anni a uno scrittore americano, Bill Gordon, che di rifiuti ne aveva avuti 176, per un suo libro intitolato, ironia delle ironie, <How many books do you sell in Ohio>. Sconfitta inesorabile, centoquattordicesimo rifiuto. Giorgio Calcagno

Commenti disabilitati

20 Mar 2010

Paestum. Museo da spostare, la proposta choc di Tarallo bocciata da sindaco e assessore alla cultura

Filed under Argomenti vari

MUSEO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM: PRECISAZIONI DEL SINDACO

In merito alle recenti dichiarazioni rilasciate dal vicesindaco Lorenzo Tarallo circa il possibile spostamento dell’attuale sede del Museo Archeologico Nazionale da Paestum a Capaccio Scalo, il primo cittadino di Capaccio Paestum, Pasquale Marino, precisa: “Perseguire azioni o progetti che riguardano eventuali spostamenti del Museo di Paestum in altri luoghi del territorio comunale, non è assolutamente nelle intenzioni dell’Amministrazione civica da me guidata. Tra l’altro, questo tipo di decisioni spettano esclusivamente al Ministero dei Beni Culturali ed alle sovrintendenze da esso delegate, ed è bene sottolinearlo onde evitare che qualcuno possa pensare che, da parte nostra, non vi sia conoscenza delle prerogative e funzioni che attengono ai comuni. Evidentemente, le parole di Tarallo hanno dato luogo ad interpretazioni diverse dal suo pensiero. Forse intendeva riferirsi all’eventualità di ubicare, nel nuovo polo culturale e bibliotecario che sorgerà a Capaccio Scalo, delle sale espositive ed archivi storici del nostro comune, ipotesi che sarà valutata contestualmente alla realizzazione della nuova struttura. Consiglio, infine, al mio caro amico e vicesindaco Tarallo, di occuparsi, come già sta facendo molto bene, dei settori ai quali l’ho delegato con incondizionata ed immutata stima e fiducia”.

Alle precisazioni del sindaco Marino si allinea anche l’Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, Eugenio Guglielmotti: “Tarallo è un personaggio pubblico, dovrebbe pesare meglio le parole che dice. È l’Assessore al Bilancio ed alle Finanze, ed i cittadini potrebbero preoccuparsi se questa è la sua soluzione per risollevare l’economia del paese in questo periodo di crisi. Invece di pensare ad un ‘sistema’ che crei attrattiva, pensa di smantellare ciò che di buono abbiamo, tra l’altro immaginando azioni che, per fortuna, sono al di fuori delle competenze sue e dell’Amministrazione comunale. L’area ex Cirio, inoltre, è di proprietà del Ministero dei Beni Culturali, e vi è già un progetto finanziato per il recupero della struttura da allestire con sale espositive, un centro conferenze ed un punto di accoglienza per i turisti. Investire, a mio avviso, è la parola giusta. Investire per trattenere più a lungo i turisti, valorizzando le peculiarità di ogni singola contrada, migliorando l’offerta, calmierando i prezzi e pianificando una precisa azione di promozione territoriale. Almeno in questo campo, cerchiamo di non improvvisare. Per fortuna, il nostro Sindaco è una persona con la testa ben salda sulle spalle”.

Commenti disabilitati

20 Mar 2010

FINALMENTE L’ORDINE DEI GIORNALISTI PROCEDE SUI SERVIZI A PAGAMENTO NELLE TV

Filed under Argomenti vari

sabato 20 marzo 2010 15:38

I giornalisti non possono condurre trasmissioni elettorali che abbiano un committente politico e che vadano in onda grazie ad una testata giornalistica (di informazione non di partito) come trasmissioni di informazione giornalistica! Diciamo subito che le tribune elettorali sono altra cosa perché danno spazio a tutti e il condutore giornalista non deve essere di parte, o almeno essere il più obiettivo possibile!

Un giornalista può svolgere l’attività libero professionale da consulente per l’ufficio stampa di un candidato o di un gruppo politico, ma non può prestarsi a realizzare trasmissioni promozionali commissionate da una parte politica in cui “finge” interviste disinteressate.
E’ come se un architetto costruisse un palazzo fregandosene delle leggi della statica: un giornalista non fa cadere i palazzi, ma può contruibuire a far confusione e a ledere la libertà di coloro che leggono (pochi) e di coloro che ascoltano (molti).

Ma soprattutto smettiamola con i doppi ruoli: giornalisti che scrivono su testate quotidiane e che contemporaneamente svolgono attività libero professionale come addetti stampa di enti pubblici, aziende e partiti politici. Tutto questo succede da anni, a volte in modo occulto e a volte in modo esplicito (addetti stampa dipendenti di enti e aziende che scrivono sui giornali o fanno servizi televisivi), ma molti fanno finta di non vedere!

Ecco di seguito un comunicato stampa recente dell’Ordine dei giornalisti del Veneto!

CONDUCE SPAZIO ELETTORALE A PAGAMENTO:

PROCEDIMENTO DISCIPLINARE A PUBBLICISTA

L’Ordine dei giornalisti del Veneto ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti di un giornalista pubblicista per essersi prestato a condurre uno spazio televisivo riservato a comunicazione elettorale a pagamento. Il collega è stato convocato per la prima seduta utile del Consiglio, nel corso della quale sarà ascoltato.

La Carta dei doveri fa divieto ai giornalisti di occuparsi di pubblicità e di assumere incarichi e responsabilità in contrasto con l’esercizio autonomo della professione. Di conseguenza, i giornalisti non possono occuparsi di pubblicità elettorale: non possono prestare volto e voce a spot pubblicitari, ma neppure a spazi di comunicazione elettorale a pagamento in cui interviste, tribune, dibattiti, ecc. siano stati acquistati da candidati e/o esponenti politici. Tale comportamento, infatti, si pone in conflitto anche con gli obblighi stabiliti dagli articoli 2 e 48 della Legge professionale 69/63, e con il dovere di essere e apparire indipendente, la cui violazione rischia di minare l’essenziale rapporto di fiducia tra il cittadino-elettore e il giornalista.

Si ricorda, inoltre, che non sono consentite comunicazioni o pubblicità elettorali a pagamento all’interno dei Tg. La responsabilità di eventuali commistioni tra informazione e pubblicità, anche elettorale, è riconducibile al direttore responsabile della testata giornalistica, il quale ha il dovere di farsi garante della correttezza e trasparenza dell’informazione.

Sul sito www.ordinegiornalisti.veneto.it sono disponibili altre notizie sull’attività dell’Ordine regionale dei giornalisti del Veneto.

Commenti disabilitati

18 Mar 2010

1951, Hemigway nel Cilento. Il mio articolo che riaprì la questione

Filed under Argomenti vari

orestemottola@gmail.com

Quando parlava con Ciccio Prota, Tanino ’u Ndilliano di Scario, Peppe Vassallo di San Marco e Miniello di Agropoli.

“Si era piantato qui come una di quelle torri guardiane, innalzate da don Pedro di Toledo per stroncare i raid dei corsari saraceni, quasi sentendosi per generosità il guardiano di Pioppi. Alto, segaligno, bruno come un’aringa del Baltico, pescatore e oracolo, le sue parole erano saggezza e memoria. Prendeva un pugno di sabbia, lo stringeva alla maniera di una clessidra, poi ne lasciava lentamente cadere i granelli, sciogliendo il responso sulla meteorologia del golfo. Mai presa una cantonata: il suo segreto satellite conosceva ’u niro, il nido dei venti, il corso delle onde, gli umori del cielo”.
Il racconto bello, davvero hemingwayano, è di Aldo De Francesco, stampato su “Il Mattino” del 17 agosto 2004. Poi se il vecchio marinaio che per più di ottanta giorni insegue il pesce che gli squali gli mangeranno è Antonio Masarone, come dicono a Pioppi o Gregorio Fuentes, pescatore cubano, come si è sempre creduto diventa questione secondaria. Cominciamo dalle certezze: quand’era in Italia beveva vini veneti Hemingway. Amarone e poi Valpolicella. In una notte, durante la quale si dedicava furiosamente anche alla scrittura, ne faceva fuori sei bottiglie. E se nei suoi libri poi tro-viamo i risultati… “È un vino rosso cordiale come un fratello con cui si va d’accordo” , così il co-lonnello Cantwell, personaggio protagonista del romanzo “Di là dal fiume e tra gli alberi” fa il sommelier. Quei vini non si trovavano nell’Acciaroli degli anni Cinquanta e lo scrittore americano, se tanto da tanto, per questo se ne andò. Nel frattempo accumulò materiali per quel romanzo che stava meditando nella testa e non sappiamo se quella frase struggente: “L’uomo non è fatto per la sconfitta”, dice Santiago mentre si prepara a combattere contro gli squali, “si può uccidere un uomo ma non sconfiggerlo” l’abbia pensata durante il soggiorno cilentano oppure altrove. In queste parole c’è l’essenza della cilentanità. Il mare, a Pollica, dà ancora da vivere? In estate i 2700 abitanti i di-ventano trentamila e i venti quintali di rifiuti giornalieri, duecento, e un poco le sta cambiando i connotati. Nel porticciolo i pescherecci sono sempre di meno, messi in un angolo dai diportisti. Er-nest vi ritrovò davvero certe atmosfere e certi tipi umani? “Era un vecchio, che pescava da solo in una piccola barca nella corrente del golfo… Il vecchio era magro e secco, con profonde rughe sul collo… Tutto in lui era vecchio tranne gli occhi, e loro avevano lo stesso colore del mare ed erano vispi ed imbattuti”.
Nelle prime pagine del suo bestseller “Il vecchio e il mare“, questo è il pescatore Santiago, un vec-chio cubano. Ma i cilentani sono sicuri che possa essere stato uno di loro. Masarone, per esempio.
”Il prossimo anno organizzeremo un dibattito pubblico su Hemingway. È giunto il momento di fare chiarezza” Le parole di Angelo Vassallo, sindaco di Acciaroli, si mischiano al suono cupo dei tuoni che rimbombano in mezzo al mare. Tempesta al largo. ”Non ci prende” , scommette il sindaco pe-scatore. E difatti, la nuvolaglia nera fila dritto verso sud, a debita distanza dalla terra delle “Cinque Vele”. Al contrario del fantasma di Ernest Hemingway, che si materializza all’improvviso, e torna a salire e a scendere gli scalini dell’albergo ”La scogliera”. Quell’albergo è ancora lì, a pochi metri dal mare. Ha cambiato gestione, ma tutto il resto è rimasto tale e quale a cinquant’anni fa. Tre piani, l’insegna giusto sopra l’ingresso, i grossi finestroni centrali dai quali si scorge un’ampia scala che si arrampica su per i pianerottoli. Papa, come affettuosamente si faceva chiamare Hemingway, avreb-be alloggiato al secondo piano, insieme alla quarta moglie, Mary, per una ventina di giorni. ”Vede l’ultima finestra a sinistra?”, dice il sindaco, allungando il braccio in direzione dell’albergo ”Quella è la stanza di Hemingway”. Peccato non poterla visitare. È occupata. Ma tutti dicono che anch’essa, a parte il letto e l’armadio, non è cambiata per niente. Papa il macho, il toreador, il soldato, l’inviato di guerra, Papa il beone è stato qui. La gente del posto ne parla senza che li sfiori l’ombra del dubbio. Eppure, parlano tutti per sentito dire, ormai. Chi lo ha, meglio ancora chi lo avrebbe conosciuto, è morto da anni. Tutti tranne uno. Gira in Vespa alla veneranda età di 85 anni ed è stufo di rispondere alle domande dei giornalisti. La prima intervista l’ha rilasciata ai giapponesi, verso la fine degli anni ’50 e, da allora, ripete ostinatamente la sua versione dei fatti, senza cambiarla di una virgola. ”Se ne stava tutto il giorno sulla darsena, in attesa dell’ arrivo di noi pescatori. – ribadisce per l’ennesima volta Zì Achille Di Matteo, occhi vispi e baffoni brizzolati e puntuti, il viso spaccato dagli schiaffi della salsedine – Quando ormeggiavamo, gettava via i sandali e s’infilava in acqua per vedere il pe-scato e sentire le nostre storie di mare. Poi tirava fuori un taccuino e si metteva a scrivere. Se ne stava tutto il giorno sulla darsena o davanti al bar del porticciolo con un bicchiere di qualcosa in mano. Non faceva che prendere appunti e bere e girare su e giù per la darsena.” Racconto convin-cente, in sintonia perfetta con l’immagine che di sé ci hanno lasciato Hemingway e quelli che l’han-no conosciuto, se non fosse che a conferma del passaggio dello scrittore ad Acciaroli non c’è uno straccio di prova. Né uno scritto, né una foto, né un accenno di Hemingway con chicchessia, negli anni successivi. Eppure, tra il novero di chi crede alla storia di Hemingway da queste parti si conta un nome al di sopra di ogni sospetto: Sean Hemingway, nipote dello scrittore, che nel luglio di tre anni fa, ripercorrendo le tappe italiane del nonno, puntò dritto sul Cilento, per visitare di persona il comune di Pollica-Acciaroli e, stavolta sì , lasciando un segno del suo passaggio: un libro di memo-rie di guerra del nonno con tanto di dedica a Zì Achille e firma in calce.”Acciaroli non ha bisogno di alcuna pubblicità”’, rispondeva due anni fa il sindaco Vassallo a Fernanda Pivano, icona italiana del-la Beat Generation nonché traduttrice di Hemingway in Italia, che dalle colonne di un quotidiano aveva decisamente negato la possibilità di un viaggio dello scrittore dell’ Illinois così in fondo allo stivale. Erano i giorni immediatamente successivi all’ultima iniziativa dell’amministrazione del cen-tro cilentano in onore del suo ospite più illustre: un cartello all’ ingresso del paese sul quale spicca-vano il volto barbuto dello scrittore e la scritta a caratteri cubitali ”Acciaroli, il paese di Hemim-gway”. ”Fu la volta che la Pivano andò in bestia – ricorda a distanza di tre anni Domenico Palladino, consigliere comunale con delega al Porto – Eppure, io continuo a credere ai miei concittadini e alle parole di Zì Achille. Perché dovrei dar retta alle dichiarazioni della Pivano? Ben venga un dibattito pubblico per chiarire una volta per tutte questa storià”. ”E se non sarà fatta chiarezza – aggiunge il sindaco – avremo almeno contribuito ad onorare la memoria di uno dei più grandi scrittori del XX secolo.” E dunque, Vassallo è già al lavoro ”Contiamo nella partecipazione dei massimi esperti ita-liani e stranieri sulla vita e l’opera di Hemingway. Crediamo di poter realizzare un vero e proprio evento culturale, di questo potete essere certi”. Intanto, l’orizzonte marino è di nuovo sereno. Un rosso tramonto attende Acciaroli, mentre un vecchio si piega a raccogliere le reti, e subito viene in mente quella storiella che, da queste parti, si tramandano di padre in figlio. La storia di un pescatore di Acciaroli di nome Masarone, detto il vecchio, che avrebbe ispirato il romanzo ”Il vecchio e il ma-re”. Peccato che il libro sia stato pubblicato nel 1952 e che proprio in quell’anno Hemingway abbia messo piede ad Acciaroli. ”Beh, non siamo proprio sicuri che fosse il ’52 – ribatte prontamente un giovane pescatore del posto – Forse Hemingway venne qui nel 51, o nel 50, o giù di lì ” Giusto, non fa poi una grande differenza.
Insomma, aggrapparsi al territorio, a tutte le sue offerte per farle fruttare. E’ questo il senso di quest’ultima baruffa cilentana. “E intanto continuare a fare la guardia al paese, a costo di risultare impopolare”, spiega Vassallo. “Il traffico rischia di strozzare Acciarioli? Si chiude il centro stori-co, anche se ai commercianti non va bene. L’albergo di tradizione non è a posto e qualche turista si lamenta? Gli mando i controlli dell’Asl. Quando, ancora anni fa, sul lungomare circolava brutta gente, chiesi alle Poste di sapere quante lettere partivano da Pollica per le carceri italiane, perché c’era il rischio reale che certi parentati volessero piazzarsi qui. Beh, hanno sloggiato. Adesso, la sera, non gira più strana gente”. Al massimo, qualche cinghiale sulla battigia. Racconta ancora Al-do De Francesco: “Fiocinatore senza rivali, stanava polpi a profondità impossibili; nel lancio “du jaccio”, rete da pieno di cefali, era più esperto di un buttero. Durante l’inverno, in vasci e purtuni, nei “cunti” della gente, intenta a riempire vasetti di acciughe, si contendeva i primati marinari con i mitici pescatori cilentani: Ciccio Prota, Tanino ’u Ndilliano di Scario, ’u cullega Peppe Vassallo di San Marco, Miniello di Agropoli.Volti solcati da marosi, spugne di vento, gente che Hemingway interrogava ad Acciaroli, dicono, fortemente incuriosito dalla “morca”, otre di olio attaccato alla barca, da cui scorre una lenta scia per scrutare meglio i fondali”. Ecco, la questione Hemingway è chiusa.

Commenti disabilitati

18 Mar 2010

AMERICA 1892 – Angelo Cornetta, di Serre, condannato a morte.

Filed under Argomenti vari

di Oreste Mottola

“Ti giuro che sono innocente: io non aggio acciso nisciuno”. 1892, New York, a sei giorni dall’esecuzione di una condanna a morte, un gruppo di giornalisti va ad intervistare colui che da lì a poco sarebbe stato strozzato con l’impiccagione. Fra di loro c’è un reporter italiano.“Angelo Cornetta era un povero e ignorante suonatore d’organetto, nativo di Serre di Persano, in provincia di Salerno, il quale in età di ventiquattro o venticinque anni era emigrato in America, come fanno tanti. Sei o sette anni dopo egli conviveva a New York con una irlandese che un giorno si ammalò e che prima di morire all’ospedale lo accusò di averla orribilmente maltrattata”. Comincia così la storia. A raccontarla è Adolfo Rossi, giornalista veneto, in uno dei capitoli di “Nel paese dei dollari, pubblicato una sola volta in Italia, dai fratelli Treves a Milano.
L’obiettivo dell’autore è di spiegare agli italiani “la vita giornalistica americana”. Per farlo l’autore , l’autore, usa la
disgraziata avventura americana di un emigrato italiano che viene messo a morte, e la sua condanna eseguita, senza che il malcapitatoarrivi a rendersene conto.
Ad Angelo Cornetta il sogno americano va di traverso. Il primo processo non riuscì a chiarire se la sua convivente fosse morta naturalmente, magari per abuso di alcool, o per le sue bastonate. Viene così a due anni e mezzo di carcere.
Rossi lo va a trovare in galera. E lo intervista. “Io stavo per strada tutto il giorno a suonare e lei si beveva tutti i nostri soldi. Furono le bevande che la uccisero”.
A due mesi dalla fine della pena, succede l’imprevisto. Cornetta viene mandato a sbucciare patate nelle cucine del carcere. Un diverbio con un altro detenuto, un irlandese che ce l’ha con gli italiani, che lo insulta. . “L’irlandese mi si gettò addosso e con il coltello, mi menò un colpo che parai, riportando una leggera ferita alla mano destra.
Guardate, (e mostrò la mano che conservava la cicatrice). Appena vidi il sangue, brandii io pure il coltello e glielo ficcai nel cuore”. Ed arrivò, inesorabile, la condanna a morte.
“A morte, io? – diceva sbarrando gli occhi- . Ma giammai? Non sapete che ho tirato a colui per difendermi? Non capite che stavo per uscire di prigione quando avvenne la lite? Dovevo farmi ammazzare come una pecora? Potevo subire in pace tutti gli insulti di cui quell’uomo mi colmava?”.
Alla pronuncia della sentenza andò su tutte le furie: tentò di suicidarsi tagliandosi la gola con un ferro acuminato che aveva strappato alla porta della cella. I secondini se ne accorsero subito e gliela strapparono di mano, la ferita di cornetta fu leggera. Poi rifiutò il cibo. Ed impazzì di dolore ben prima dell’esecuzione.
Qualcuno tentò di salvarlo come un unico gruppo di cittadini che era a conoscenza della situazione della sua situazione psichica. Non ci fu niente da fare. “La giustizia americana era soddisfatta: aveva strozzato un pazzo furioso”, così scriverà nel 1892 Adolfo Rossi.

Commenti disabilitati

18 Mar 2010

Io e i miei paesani siamo fatti così. Una confessione

Filed under Argomenti vari

ALTAVILLA CAPUT MUNDI!

La maggior parte dei paesi interni salernitani sono dominati dal criterio dell’uniformità. Spesso hanno anche un solo nome. C’è dove si producono solo i fagioli e si cucinano solo le castagne, dove sono stati tutti briganti o carabinieri, dove gli abitanti hanno, fateci caso, le stesse “facies”: segno di uno scarso scambio di patrimonio genetico. In altri paesi, soprattutto in quelli di mare o spiaccicati accanto alle vecchie vie storiche, c’è tutto e il contrario di tutto. Il sangue si è abbondantemente mischiato per tutta una serie di ragioni che non è il caso d’indagare: guerre, immigrazioni, pellegrinaggi, tanto per fare un elenco. Il mio paese, Altavilla Silentina, sta tra i secondi. E se ne vanta. Perché non è sul mare e non ci passavano le strade consolari romane. Ed ancora oggi una misconosciuta strada che porta a Castelcivita e a Roccadaspide è affogata dagli scalini e dai balconi di via Borgo S. Martino. Un bus, di quelli a due piani non ci passa. Altavilla caput mundi!
Ci fu un tempo che vide gli etruschi a Pontecagnano ed in tutto il Picentino, i greci d’Occidente tra Paestum e Velia con i lucani appostati e guardinghi sugli Alburni: Altavilla è lì, a poche decine di chilometri di distanza da tutti questi luoghi. Perfettamente equidistante. Sì, da tutti abbiamo preso ed a tutti abbiamo dato. Anche ai pirati berberi che sovente, e prepotenti, ci fecero visita. Molti di noi potrebbero facilmente andare nel Maghreb e confondersi coi locali. Sorridete pure, siamo un paese aperto: il centro antico non è chiuso tra le gole di un’inaccessibile montagna ma ci s’arriva risalendo le giogaie di dolci colline. E quando la Piana del Sele era malsana per i miasmi della palude e la malaria non perdonava, quassù qualcuno (non tutti, per la verità) si godeva la vita. Questo raccontano le tante storie del Castello dove i discendenti dell’abate Ciccio Solimena vissero, o meglio se la spassarono, per oltre due secoli. Tutti quelli che passavano per la pubblica via dovevano ossequiare i signori e le cose migliori andavano a loro. I furbissimi briganti che stavano dentro al vicino bosco di Persano, una specie di Supramonte salernitano di quei tempi, sulla collina altavillese ci venivano perché avevano gli appoggi di tante donne – vivandiere. Si confina con Persano con un lungo tratto del bello e pescoso fiume Calore. I re qui erano di casa. Carlo III, Francesco e Ferdinando di Borbone amavano venirci a caccia. Goethe ci venne e ne scrisse. Hackert la dipinse. Fu culla dell’allevamento della razza equina omonima che trionfò in diverse Olimpiadi ed oggi è sede della Brigata Garibaldi: una delle più “operative” unità dell’Esercito italiano. È il passato con le sue luci (poche) e le tante ombre. Ancora: altri hanno avuto le industrie coi soldi dello stato? Noi di Altavilla, oltre alle regolamentari tre torri, sul gonfalone comunale abbiamo, virtualmente, i caseifici che sfornano la mozzarella più buona del salernitano. Un successo costruito, in meno di un decennio, da allevatori oggi diventati industriali. Torna il tema di una Altavilla Silentina doppia o una e trina: divisa tra una Piana del Sele alla quale appartiene per l’agricoltura avanzata ed una imprenditoria vivace, ed un territorio collinare che è cilentano per tante consonanze, non secondaria quella musicale. C’è l’Altavilla Silentina dell’appartenenza religiosa raccontata dalle oltre trentacinque chiese ma anche da un non troppo passato “culto” massonico dalle atmosfere sulfuree.

Oreste Mottola orestemottola@gmail.com

Commenti disabilitati

18 Mar 2010

Ricordi, cari, di Altavilla Silentina

Filed under Argomenti vari

orestemottola@gmail.com

Mi ricordo bambino con i tagli alle dita per via di una scatoletta tipo Simmenthal che volevo apririmi durante una festa di S.Antonio. Inutile dire che era la prima volta che ne potevo comprare una da solo su di una bancarella…

I racconti che mi hanno fatto querce e lecci del bosco della Foresta. Le mille storie dello “Scivolaturo” sono lì. Di briganti o di amori più o meno di contrabbando, l’anima romantica di Altavilla vivente tutta da lì. Con più esagerazioni che realtà. E poi una fontana… come quella dei Franci dove se ne bevi l’acqua nel paese ci resti… da decenni l’acqua non è potabile.

Ci sono domeniche che vorrei non aver mai fatto il mestiere che faccio. Con gente che ti rimprovera per cose che non hai scritto e che loro non hanno mai letto. Però gliele hanno raccontate. Sotto non c’era la tua firma. Ma che importa…sono arrabbiati e ti tengono il broncio. E nel frattempo nel bar dove prendi il caffè entra uno del quale veramente non hai potuto scrivere … bene.

Giumentari o butteri, che li vogliano chiamare è dal mio paese che vengono i migliori cow boy di Persano. Che si misero in tasca i butteri maremmani che fecero mordere la polvere agli uomini di Buffalo Bill. Altavillesi, come i più bei meloni d’Italia. Tutto perso, finanche la memoria.
Mi ricordo di Giovanni Giello, fondatore della sezione del Pci, che si arrabbiò quando io, pur ventenne contestatore, da sinistra, dei comunisti “ortodossi”, proposi – era il 1980 o giù di lìdi dare vita ad una lista civica. “Lo fa la Dc, facciamolo anche noi” fu il mio ragionamento.

L’aspirante cantautore un po’ Baglioni e tanto Lolli era Attilio Senatore, il giovane però, che oggi fa il bidello. Le montagne di Magliano Vetere, Attì te le ricordi? Io, sì. Ma mai mi sono fermato a rimirarle.

Ricordo di essere uscito a pezzi da alcune complicate storie d’amore perché di un paio di ragazze ho scoperto dopo diversi anni di non volerle perdere. Loro però già si erano scocciate di me. Lo diceva Aristotele: “Certe cose si capiscono solo alla fine”.

Nella mia vita un paio alcuni giorni sono stati lunghissimi. E ringrazio Marina che c’era sempre.

Si parlava di donne, lontananze e sogni nelle lunghe passeggiate con Piero. Molti pensavano che ordissimo congiure ed altri che semplicemente stavamo a perdere tempo.

Ricordo com’era l’aula del mio primo giorno di scuola e la maestra che teneva a bada una quarantina di bambini e ragazzi delle vituperate pluriclassi dove ho imparato a leggere, scrivere e a non far di conto. Quest’ultima lacuna non l’ho mai colmata.
—–
Io mi ricordo.

“Zia” Teresa Arietta e la Foresta. Nel mese di settembre faceva celebrare una Messa per i caduti del 1943 che vide riversi nel vallone della Foresta. E poi suoi racconti dei briganti, con l’indicazione dei loro discendenti, dei terribili misfatti nella zona del Convento nel suo periodo di decadenza, prima del 1928, e poi le ricette per guarire con le erbe del bosco i malanni. Era convinta che fossi io, quando avevo intorno ai vent’anni, ad illudere alcune ragazze. Capiva tutto, zia Teresa, tranne quest’ultimo capitolo. La realtà, già allora, era diversa.

Il mio bisnonno Domenicantonio Di Marco, che veniva dal Cilento, che amò l’America e l’anarchia. L’unico non prete a possedere una Bibbia che conosceva benissimo. E “suppontato” Vito i suoi figli li volle chiamare Alessandro, Adelina, Alberigo, Amerigo ed Alberigo. Tutti con l’inizale “A”. Un solo figlio lo seguì: Alessio, Antonio e Adelina. Avveniva nell’Italia dei primi due decenni del Novecento. Ai tempi era una singolarissima forma di anticonformismo. Oggi si scelgono i nomi suggeriti dalle mode televisive.

Gerardo Fasano ed il suo modo di domare da fuoriclasse del surf, la vita collettiva in un paese come è il nostro. Altavilla lui se l’è respirata tutta. La fabbrica, il frantoio e la farmacia. I boschi per i funghi ed il fiume per la pesca. Poi la piazza e le cuzzupiglie con gli amici. E’ un vero colto con i molto presunti tali, buono e popolare con gli indifesi. Ama ache il gossip, però quello che strappa un sorriso e non graffia la faccia dei malcapitati. Fortunate le donne che stanno nelle tue giornate.

Franco, Germano, Rosario ed ancora Franco. E mi dcono di Piero. Alla rinfusa: sono stato compagno di banco dell’uno, ho avuto tante dimostrazioni d’amicizia dagli altri e di un altro ancora sono stato compagno di “formidabili quegli anni” di quando vedevamo il mondo solo in bianco e nero ma io stavo con quelli che lo preferivamo rosso, non troppo però. Restiamo ancora amici, come lo eravamo ai nostri tempi delle mele. Nessuno più di me sarà contento se avrete il successo che sperate. Nella piazza Castello c’è l’officina delle mie sconfitte dalle quali vi ho tenuto doversosamente lontano.

Sì, io mi ricordo. Anche “Lisa dalle vesti trasparenti” versi di un amico che alla fine degli anni Settanta voleva sfondare come cantautore: un po’ Lolli ed il resto… Baglioni. Gerardo sa di chi parlo.

Commenti disabilitati

Articoli precedenti »