Archive for Dicembre 2007

30 Dic 2007

ROCCADASPIDE. “Derby” fra le superiori cittadine. Il liceo battuto…

Filed under Argomenti vari

 

Parmenide e Valitutti uniti nello sport

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

30 Dic 2007

CAPACCIO. 5 gennaio festa solidale per la “San Vito Primary school£ di Arusha in Tanzania

Filed under Argomenti vari

Danzando l?Africa è il nome che Oltreterra, associazione di volontariato e cooperazione internazionale, ha scelto per lo spettacolo di beneficenza che si terrà il 5 gennaio 2008 alle ore 20,00, presso il teatro dell?hotel Ariston a Capaccio.
Danzando perché si esibiranno tutte le scuole di danza che hanno sede a Capaccio, l?Africa perché lo scopo della serata è raccogliere fondi per la .
La scuola è stata costruita nel 2004 grazie all?enorme contributo della parrocchia di San Vito a Capaccio.
Purtroppo questa scuola rischia di chiudere perché non ci sono i fondi sufficienti per permettere ai bambini di frequentarla. Il sistema scolastico tanzaniano è molto diverso da quello italiano, lo stato non riesce a finanziare tutte le scuole, molti bambini non si possono permettere l?istruzione se non pagando cifre per loro altissime. Con questo spettacolo speriamo di riuscire ad aiutare concretamente questa scuola e i bambini che la frequentano.
Le scuole di danza hanno accettato tutte con entusiasmo di partecipare a questa serata. Nonostante i numerosi impegni, si sono adoperate per preparare i loro allievi così che i passi di danza potranno permettere a molti bambini di costruirsi un futuro, perché ?Watoto taifa la keschu? ? ?I bambini sono il futuro della nazione.? (Frase in swahili che era solito dire il compianto presidente tanzaniano J. Nyerere, n.d.r)

La serata è patrocinata dal comune di Capaccio.

OltreTerra è attiva sul territorio di Capaccio da poco più di un anno, sta portando a termine un progetto di riforestazione nella regione del lago Manyara in Tanzania, segue alcuni bambini con il sostegno a distanza e ha attivato il secondo corso di lingua e cultura italiana per stranieri nella chiesa della Madonna di Loreto a Capaccio.

Vi aspettiamo!

Oltreterra

Commenti disabilitati

29 Dic 2007

PIAGGINE. Zi’ Carmelo, l’ultimo «luparo» è morto a 102 anni

Filed under Argomenti vari

Zi’ Carmelo, l’ultimo «luparo» è morto a 102 anni

Se n’è  andato a 102  Zi’ Carmelo. Era l’ultimo cacciatore di lupi del Cilento: si chiama Carmelo Nigro e viveva a Piaggine, nel cuore del Parco Nazionale campano, insieme ai suoi tre figli e ai tanti nipoti e pronipoti. Fino a cinquant’anni fa, il suo mestiere era di vitale importanza per gli allevatori di pecore e buoi della zona: spettava al "luparo" stanare e uccidere i lupi che, soprattutto nella stagione invernale, dai boschi del monte Cervati si spingevano fino a valle, dove si cibavano del bestiame. Per dimostrare di essere riuscito nell’impresa, Zi’ Carmelo andava in giro con indosso un singolare vestito: la pelle del lupo ucciso, inclusa la testa. Così facendo, poteva riscuotere la ricompensa, di solito costituita da prodotti delle fattorie. Storie di altri tempi, e mestieri che scompaiono.
“La caccia e i lupi sono gli unici argomenti che  l’hanno appassionano fino ad ieri”, raccontano i familiari. Nei dintorni del monte Cervati, la vetta più alta della regione, ttra vacche e pecore c’era uno dei più consistenti patrimoni zootecnici del Sud. Era il nostro West fino a qualche decennio fa. Trentamila pecore, migliaia di mucche allo stato brado, in un paese solo una miniera d’oro in lana ed agnelli. E con le lunghe transumanze: nella sottostante Piana del Sele, ed in Lucania, fino a Metaponto. Il lupo era il nemico per antonomasia. Lo odiavano perchè sbranava pecore e vitelli, faceva il vuoto nelle greggi e nelle mandrie, spaventava la gente.
“Io il luparo l’ho fatto fino a che c’è stata la necessità. Non sono stato io – raccontava – a sterminare i lupi del Cilento. La colpa è di coloro che hanno distrutto i frainali”. Chiamava così il bosco più fitto, quello con i faggi giganteschi. E continuava: “Sono stati più quelli che tagliarono il grande bosco di Mèrcuri e si presero l’acqua del Calore per l’acquedotto per portarla ad Agropoli”.
Storie del passato? No. Qui l’allarme lupi risuona ancora. Gli allevatori, quei pochi ancora restano in attività, però tengono celata la notizia per paura degli ambientalisti. Temono per i nuovi vincoli che potrebbero arrivare dal Parco del Cilento. “Hanno ucciso dei vitelli in montagna”, sussurrano a mezza bocca nei bar. I lupi sono tornati. Due anni fa un cucciolo, assetato, rimase incastrato in un pozzo. Per salvarlo si mobilitarono volontari, comune e forestale. L’epopea del lupo cattivo è finita anche a Piaggine. Ora l’animale che ha incantato, per la sua raffinata intelligenza, etologi, registi e scrittori, è diventato un fattore di richiamo turistico per i gitanti della domenica che si aggirano sul Cervati.

Commenti disabilitati

28 Dic 2007

SERRE. La Croce Rossa premia i serresi per come si comportarono a Valle della Masseria

Filed under Argomenti vari

CROCE ROSSA PREMIA DONNE E POPOLO DI SERRE PER IL COMPORTAMENTO TENUTO A VALLE DELLA MASSERIA

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

26 Dic 2007

ALBANELLA. S.Cesareo festeggia i 50 anni della fondazione

Filed under Argomenti vari

 

Il 26 dicembre, alle 18, incontro per ricordare il 50ennale della fondazione della borgata 

Continua la lettura »

1 commento

26 Dic 2007

CONTRONE. Al via “Extralburno”, premierà i migliori oli d’oliva della Campania

Filed under Argomenti vari

Per ulteriori informazioni: ing. Domenico Tancredi cell. 3391896058

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

25 Dic 2007

GIGINO DI LASCIO. I ricordi di uno studente, di Antonio Domini ed una richiesta di Andrea Manzi

Filed under Argomenti vari

Su di un indirizzo che non consulto quasi mai ho trovato altre testimonianze sulla figura di Gigino Di Lascio che mi erano state inviate da uno studente, un giornalista e l’ex sindaco di Agropoli.   

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

24 Dic 2007

ANTONIO MOTTOLA. Ieri 23/12 i funerali in un clima di commozione generale

Filed under Argomenti vari

"Comprendiamo la rabbia e lo sconcerto. Finanche il desiderio di vendetta, ma oltre alla giustizia umana pensate che in azione c’è anche quella divina…". E’ l’omelia di don Salvatore Musella, parroco di Altavilla, che con don Costantino Liberti ha concelebrato le esequie di Antonio Mottola che si sono tenute a partire dalle 15, nella centrale chiesa della Madonna del Carmine. Ad assistervi una folla dove spiccavano i colleghi di lavoro e i compagni di scuola dei due figli studenti presso le scuole superiori di Albanella e Roccadaspide. Poi i tanti amici e i parenti, e lo stesso sindaco, Antonio Di Feo. All’uscita dalla chiesa della bara un lungo applauso ha dimostrato ancora una volta la stima dell’intero paese e di coloro che lo avevano  conosciuto verso Antonio, un uomo la cui fine resta ancora avvolta nel mistero.

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

24 Dic 2007

CAMPAGNA. Commosso ricordo delle studentesse per Antonio Mottola

Filed under Argomenti vari

Articolo tratto da “La Città” del 23 dicembre 2007 

Continua la lettura »

Commenti disabilitati

21 Dic 2007

ALTAVILLA. Hanno ucciso Antonio Mottola

Filed under Argomenti vari

 

Continua la lettura »

1 commento

Articoli precedenti »