23 Set 2005

Affare da 1.233.000 euro per la vendita dei terreni di Cannito

Pubblicato alle 18:14 under Senza categoria

Un comitato d?affari gestiva l?affare dei suoli da destinare agli impianti dell?emergenza rifiuti in Campania. E? quanto sta emergendo da un?inchiesta condotta dalla Dda di Napoli affidata al pm Nunzio Fragliasso.
Embematico è il caso di Capaccio ? che come ha reso noto il quotidiano ?Corriere del Mezzogiorno? dove dietro l?area promessa alla Fibe per stoccare ecoballe di Cdr, c?erano due imprenditori locali indicati dalle forze dell?ordine con legami di frequentazione e conoscenza con un esponente della Nuova Camorra organizzata come Cosimo D?Andrea, il pentito che morì in carcere quattro anni fa e che con le sue affermazioni da collaboratore di giustizia coinvolse, tra l?altro, l?ex ministro Carmelo Conte tanto da determinare per questi il rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione camorristica (il processo a distanza di nove anni è ancora in corso). A darsi da fare per il buon esito di quell?operazione si attivò poi anche un consigliere regionale oggi non più in carica, ma ancora ben inserito nel sottogoverno regionale.


Enzo Sica: ?pagina molto brutta?. La reazione del sindaci di Capaccio

?E? una pagina molto brutta, non solo del capitolo dell?emergenza rifiuti in Campania, ma dell?economia perversa che è intorno al settore. Speriamo che la vicenda possa essere chiarita quanto prima e che chi ha sbagliato paghi. Ciò che dispiace è che quei fondi che potevano essere utilizzati per la raccolta differenziata, per la realizzazione di siti di smaltimento di alto livello tecnologico sono finite nelle tasche di pochi, purtroppo legati all?economia camorristica della Campania?.
Quanti soldi sono stati ?bruciati? nella follia di Cannito…
?Oltre un milione di euro. Quei soldi oggi ci sarebbero serviti, eccome. Potevano far partire la raccolta differenziata. Per farci risparmiare. Speriamo che la vicenda possa essere chiarita quanto prima e che chi ha sbagliato paghi?.
Qual è la situazione dell?ex discarica oggi? ?C?è un deposito sul quale abbiamo attivato una ?caratterizzazione?. E? un procedimento che serve a ?qualificare? l?immondizia che è lì. Seguirà la bonifica. Sono passaggi tecnici che porteranno alla bonifica del sito?.
La zona di Cannito di chi è di proprietà?
?E? di alcuni privati di Capaccio. La passata amministrazione aveva preso in locazione i terreni?.
E ora? ?Continueremo a tenerla fittata fino a quando non bonificheremo l?area. Noi invece vogliamo comprarla come Comune. La vogliamo far diventare un parco naturale. La questione sarà all?ordine del giorno del prossimo consiglio comunale?.

No responses yet




I commenti sono chiusi.