20 Set 2005

Il sindaco di Altavilla lascia la casa delle libertà

Pubblicato alle 17:49 under Senza categoria

Di Feo: ?Me ne sto andando nella Margherita?
Il sindaco di Altavilla lascia la casa delle libertà

?E? semplice. Il 31 dicembre scorso mi è scaduta la tessera dell?Udc. Non l?ho rinnovata?. Da questo punto in poi Antonio Di Feo, sindaco di Altavilla Silentina, alla conclusione del primo mandato, ha iniziato una veloce marcia di avvicinamento verso la Margherita. Così lui la racconta. E ci aggiunge di essersi preso ?un anno sabbatico con la politica?. La verità è che dai vertici salernitani del partito di Casini e Follini Di Feo è ?scollato? da tempo. Ed è da quasi otto anni che Alfonso Andria lo tenta e lui resiste. Il suo imprinting politico è a destra. Ma c?è un momento in cui gli argini si rompono. Lo ha fatto il suo amico Fernando Zara e Di Feo lo segue. Non nell?Udeur, ?mal frequentata? ad Altavilla. Last but not least, tra l?Udc ed Andria ci sono state anche un paio di ?infedeltà?. Verso Alleanza Nazionale, con il sostegno assicurato al ministro Alemanno (ultime europee) ed il voto alle Regionali ?ufficialmente? assicurato a Donato De Rosa, presidente della comunità montana. ?Per la verità la mia apertura di credito odierna è verso Alfonso Andria, che stimo. Io non ho cambiato opinioni politiche. E che sto rivalutando i rapporti umani. Alla fine rimane solo quello?, commenta il primo cittadino altavillese. Di Feo come Cuomo, allora? ?No. Io non c?entro con le scelte dell?uomo politico ebolitano?, aggiunge Di Feo. Se ne va da Andria, con l?eurodeputato impegnato a ?frenare? gli entusiasmi di Villani e Valiante per la recente adesione di Cuomo al Fiorellino. Vedremo così l?ex consigliere provinciale altavillese andarsi a sedere al ?tavolo? del centrosinistra altavillese impegnato a scegliere proprio il suo sfidante? ?Perchè ci sarà una scelta politica??, chiede con l?aria di chi la sa lunga. ?Io rimango cattolico. Statalista. Cultore del senso delle istituzioni? . Chi seguirà Di Feo? Lo sapremo nei prossimi giorni.

1 commento




One Response to “Il sindaco di Altavilla lascia la casa delle libertà”

  1.   davide pacificoon 27 Set 2005 at 13:34 1

    francamente non ho capito molto… ma Antonio Di Feo è passato o passerà nel partito della Margherita o andrà solo a mangiare la pizza con Andria?
    Nel caso passasse nella Margherita sarebbe bene ricordargli che quel partito andrà al governo con Rifondazione Comunista anche con il suo voto. Saluti